Da un’amica turca

La resistenza in Turchia continua.

La violenza poliziale continua in Ankara, dove le persone hanno detto “Ogni piazza è Taksim, ogni piazza è la resistenza!”, dove le persone ne volevono che dire “siamo con noi”. Nel frattempo, il ministero della salute ha deciso di cominciare un inquisizione verso i medici e gli studenti del medico che aiutano ai feriti durante la violenza. Sembra che il ministero ha dimenticato la prima missione di un medico e la promessa di Ippocrate.

FGK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *