Ti ho visto morire stasera

Ciao ragazzo con la maglia verde

ti ho visto morire stasera

ti ho visto dallo schermo del mio computer

la tecnologia…

ho vissuto con te i momenti in cui cercavi la tua famiglia

tra le rovine della tua città distrutta dai bombardamenti

ho vissuto con te le urla da sotto le macerie

ho sperato con te di vederli, di capire da dove provenivano

ma poi con te, ho iniziato ad aver paura

ho sentito gli spari

ci sono i cecchini

stai al sicuro ragazzo, stai attento, te e chi è con te

state attenti, nascondetevi

ci sono i cecchini, cazzo!

e là sotto la mia famiglia che grida

devo salvarli

ma i cecchini sparano, o forse no, è un’impressione

ti vedo ragazzo dalla maglia verde, esci per cercarli.

Ti vedo a terra, un proiettile ti ha colpito

la tua amica ti chiede se ti riesci a muovere

alzi la testa ti guardi le mani, un altro sparo vicino

non ti colpisce ma forse inizi a capire che è la fine

non ti puoi muovere di lì e sei sotto il fuoco nemico

da solo in mezzo alle macerie

inizi a pregare Dio

un terzo sparo. So che c’è stato e che ti ha portato via.

Non l’ho voluto vedere. Ho premuto stop sul video.

Lo stomaco inizia a farmi male.

Maledetta guerra infame.

Sei giovane, alto e magro. Potresti essere mio fratello.

Riposa in pace, fratello mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *