Festa dell’Unità? No, Luna Park o Fiera Campionaria. Ok, ci siamo: “Parco della Fiera del PD: Infertility idee”

Fertili Dei?

Chiamateci nostalgici, faziosi, antichi, retrogradi, retorici, vecchi, chiusi, ottusi e chi più ne ha più ce ne dica. Nessun problema, davvero.
Di sicuro, e questo ce lo diciamo da soli, non siamo indifferenti. O come diceva il piccolo occhialuto, quasi quasi un secolo fa, siamo indifferenti mai. E per questo scriviamo.

Il 2 Settembre sera siamo stati in quella si chiama Festa dell’Unità, al Parco Nord di Bologna, sede storica della Festa Rossa nella Rossa Città che ormai appare solo sbiadita, grazie alle tegole che tengono vivo questo colore fuori moda.

Prima di tutto la mappa ufficiale ci mostra il sottotitolo di quest’anno: “Il senso delle idee”.
Allora curiosiamo dentro a questa mappa per vedere la planimetria di questa agorà divisa in sottogruppi: Continua a leggere

Parole migranti, parole profughe, ma mai clandestine.

picasso-don-chisciotte1

Questa lettera l’ha ricevuta uno di noi un anno fa (la storia si riferisce a qualche anno prima) in occasione di un progetto di teatro sociale, il Festival In&Out, in corso proprio adesso, alla 5° edizione.

E visto che oggi è la giornata del profugo, la condividiamo con voi.

“Cari Cavalieri Erranti,

Continua a leggere

Ma il Ministro Mauro è un Ossimorologo?

Un Ministro dello Stato dovrebbe essere eletto dal popolo per le sue qualità intellettuali e empiriche e pragmatiche, per la sua intelligenza, perspicacia (a Bologna si direbbe per lo “sbuzzo” o “usta”), per una marea di altre caratteristiche che lo elevano rispetto alla massa e per una visione a lungo termine dove indirizzare la comunità.
Ora abbiamo preso le parole del ministro della difesa Mauro senza aggiungere di proposito alcuna punteggiatura per evitare di inquinare queste perle di saggezza (qui il video: http://www.ansa.it/web/notizie/videogallery/italia/2013/06/26/Mauro-amare-pace-armare-pace_8934160.html): “Il parlamento ha compreso che per amare la pace la pace in alcune circostanze già fissate dalla costituzione non bisogna esitare ad armare la pace e questa scelta si riflette non in una esibizione muscolare perché questi aerei serviranno solo a sostituire quegli aerei troppo vecchi e ormai destinati ad andare in pensione”.

Caro Egregio Spettabile Gentile Ministro Mauro (a parte Ministro Mauro, le altre parole usate sono solo per buona educazione, in chiave leggermente ironica), chissà quanto ci ha pensato a formulare questa frase?
Chissà se si è reso conto che la accompagnerà per sempre?
Ma andiamo con ordine.

Continua a leggere