Appunti – numero 1

Vorremmo condividere con voi alcune riflessioni sull’individualismo esasperato che condiziona i nostri comportamenti.

Partiamo da una considerazione, che può essere ritenuta ben più di un’ipotesi, cioè che sia vero che l’essere umano sia un essere sociale e che abbia bisogno di una comunità per sopravvivere e per sviluppare la propria personalità.

Ci si chiede allora perché sembra che l’essere umano abbia perso il contatto con la sua vera natura e che si sia trasformato in un essere miope, mosso solo dal suo interesse personale. O meglio, perché l’essere umano occidentale, che, nella maggioranza dei casi, prende dalla comunità tutto quello che gli è necessario, si pone nei confronti degli altri esseri umani, suoi consociati, in maniera per lo più egoistica, esclusiva, conflittuale.

Forse una risposta può essere data dall’osservazione del tipo di società in cui viviamo, dalle regole che la sorreggono e la determinano. Difficilmente infatti l’essere umano si comporta diversamente dal contesto sociale in cui vive, sia perché il contesto influenza sempre chi in esso svolge la propria esistenza, sia perchè l’uomo è un essere particolarmente adattabile e quindi si presta particolarmente bene ad essere plasmato.

Per avere la prova di ciò, potrebbe essere sufficiente verificare se l’individualismo di cui stiamo parlando venga riscontrato nelle principali caratteristiche del sistema economico in cui viviamo, il capitalismo, e del sistema politico che regola il nostro vivere sociale, la democrazia rappresentativa.

Se si riflette su cosa stia alla base del sistema economico capitalistico, probabilmente la risposta più immediata e quella che più si avvicinerebbe alla realtà, sarebbe la ricerca del profitto individuale.

Forse un po’ più complicato è individuare invece cosa stia alla base del sistema politico della democrazia come noi la conosciamo. Complicato perché il significato di democrazia viene dato troppe volte per scondato, complicato perché è diffusa l’idea che la nostra democrazia sia il sistema politico migliore a disposizione in questo momento, complicato perché in reatà non esiste solo la democrazia rappresentativa, quella che ci governa, ma esiste anche quella partecipativa, che non è molto diffusa e che, purtroppo, non ci riguarda.

Sono diverse le cose che permettono alla democrazia rappresentativa di esistere, ma quella che stà alla base del sistema sono i singoli voti espressi da ogni singolo individuo. Se non ci fossero i voti dei singoli individui non si formerebbe nessuna maggiaoranza e senza maggioranza la damocrazia rappresentativa non può governare.

Quindi, il sistema sociale in cui viviamo si fonda su due pilastri, la ricerca del profitto individuale e il voto espresso dal singolo individuo. L’unica cosa che perciò conta per il sistema sociale che ci governa è l’individuo. È all’individuo che il politico ed il mondo degli affari si rivolgono. Ed è solo il singolo individuo che ad essi interessa, l’individuo come consumatore, l’individuo come elettore per ottenere prima e mantenere poi il consenso.

Se così stanno le cose, come ci si può stupire che gli appartenenti a questa società abbiano un atteggiamento individualista se è la stessa forma sociale ed economica che concepisce gli esseri umani solo come individui?

Conseguenza immediata di questi semplici ragionamenti è una sola, perché l’uomo occidentale possa riappropriarsi della sua stessa natura, deve rivoluzionare il sistema sociale in cui vive, deve superare il capitalismo e la democrazia rappresentativa. Gli strumenti ci sono già e di questi parleremo.

Pace.

Ehi sorella!

Ehi sorella, rispondi a questa domanda: cos’è che ti lega agli altri esseri umani? Non quelli che conosci, non i tuoi amici o famigliari, con i quali si presume tu abbia un rapporto di affetto o d’amore o robe del genere. Intendo quelli che incroci quotidianamente, al lavoro, a scuola, per strada, nei locali, con cui non scambi neppure una parola, quelli che non hai mai visto e che mai più rivedrai. Ti chiedo questo sorella perché io penso di averla una risposta, che non mi piace affatto. Perché la risposta è: nulla. Pensaci un attimo sorella, cerca di guardare dentro te stessa e dimmi: quel tizio fermo al semaforo a bordo della sua macchina oppure la tizia che parla al telefono mentre esce dalla porta di casa, ne avrai visti a migliaia, secondo te, a che cazzo pensano? Di che cosa parlano? Quali sono i loro sogni? Quali sono le loro preoccupazioni? Non ne hai idea vero? Anzi, non riesci neanche ad immaginarlo. È così, no? Mi dirai, saranno poi affari loro. E qui sta il punto sorella. Non sono solo affari loro. Come pure i tuoi problemi o le tue gioie, non riguardano solo te. Non sto dicendo cose strane sorella perché vedi, se ci pensi un attimo, l’individualismo, cioè quella invenzione maledetta del novecento che ti fa credere di essere la cosa più importante di questo universo, mica esisteva prima. Fino a quando, a partire degli anni ’60, il capitalismo made in USA non ha cominciato a distruggere prima e rimodellare poi le nostre coscienze, l’uomo, di qualsiasi estrazione sociale fosse, viveva la sua vita COLLETTIVAMENTE. Era il collettivo a prevalere sull’individuo, era il noi a prevalere sull’io, sorella. La coscienza di classe, i legami della famiglia allargata, i rituali religiosi, i condomini a ringhiera dei quartieri operai nelle grandi città del nord o i rapporti di mutuo soccorso degli abitanti delle campagne. Tutto questo esisteva, fino a quando la grande sbornia consumistica non ha distrutto tutto. Tu mi dirai, sorella, che la libertà di farti i cazzi tuoi che hai ora, se vivevi in un villaggio di montagna a contatto sempre con le stesse persone, te la scordavi.  Sì è vero, ora puoi fare quel cazzo che ti pare, la “casa delle libertà” o il “popolo della libertà”, l’hanno chiamato questo paese. A determinate condizioni però. Se hai i soldi. Se hai la salute. Se hai il tempo. Se, se, se, se. E se tutte queste cose non ce le hai? O le perdi? Sono cazzi solo tuoi sorella, non ci sarà nessuno ad allungarti una mano. E sai perché? Per la ragione della domanda iniziale: perché la libertà che ci ha regalato il capitalismo ha spezzato tutti i legami esistenti tra gli esseri umani e gli ha sostituiti con il nulla. E se nulla ti lega agli altri esseri umani, nessun essere umano sarà disposto a venire in tuo soccorso quando hai bisogno. Concludo sorella, con un correzione ed una spiegazione. Non è vero che il capitalismo made in USA ha distrutto tutti i legami tra gli esseri umani senza sostituirli con qualcosa. Un legame è rimasto ed è stato potenziato al massimo: l’interesse economico. Ed è proprio per l’incontrastato dominio di questo legame che mi rivolgo a te sorella. Perché solo tu sorella, in questo momento storico, conosci intimamente un legame diverso, che non ha niente a che vedere con l’interesse economico. Il legame con la creazione della tua maternità. Tuo figlio sorella. Solo tu sorella sai cosa vuol dire amare e sacrificarsi in modo del tutto disinteressato. E allora ti chiedo, sorella, di aiutare i fratelli a capire. Che l’uomo non è quello che la macchina infernale del capitalismo ha manipolato, è un essere propenso naturalmente all’aiuto disinteressato degli altri esseri. Non è un individuo, è un COLLETTIVO con tutti gli altri esseri.

Pace