Lettera a Miss Italia: il pensiero non ha curriculum

corona-missitalia

Cara Alice, non ci conosciamo ma abbiamo la necessità di scriverti.
Te lo diciamo subito, la lettera è un po’ lunga.
Una settimana fa, quando siamo partiti per l’estero, non sapevamo chi tu fossi. Poi ieri, ci siamo riconnessi con il mondo e siamo stati travolti da fiumi di parole, da uno tsunami generato dalle tue di parole, poche e flebili parole.
Ammettiamo che ne siamo stati colpiti, ma solo per pochi secondi; quello che ci ha spronato discussione è stata la reazione popolare che è la motivazione di questa lettera.

Continua a leggere

I nostri dieci raccomandamenti di Natale

Avrai un dubbio. O no?

Ormai ci siamo, l’aria è frizzante, luci, colori, musica, manca solo la neve.
Poi il Natale è perfetto.
Ma viste le notizie brutte che non fanno bene alle feste imminenti e visto un Benigni pio e buono come mai prima, ci permettiamo anche noi di darvi qualche consiglio natalizio, stilando i nostri dieci raccomandamenti di Natale.

1) Non ragionare sulla qualità, ma sulla quantità e sul prezzo.
2) Non essere cattivo con quelli come te.
3) Non leggere.
4) Non uscire (che si prende freddo).
5) Non andare al cinema.
6) Non andare per musei.
7) Non farsi rovinare le feste dai problemi del mondo.
8) Non informare se stessi e gli altri.
9) Non andare a teatro.
10) Credere nel Potere.Per i più curiosi, ecco qui le istruzioni per l’uso, una per una.

Continua a leggere

Ladri di biciclette 2.0

paperonevsRockerduck

Nel 1948 “Ladri di biciclette”, un film entrato nella storia, raccontava quanto una bicicletta fosse indispensabile per sopravvivere. Nel 1973 Fabrizio De Andrè scriveva e cantava “Ci hanno insegnato la meraviglia, verso la gente che ruba il pane, ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame (dalla canzone “Nella mia ora di libertà”).

Continua a leggere

Alpi-Armi, un binomio mortale per Ilaria. E per il premio a lei intitolato?

premio-ilaria-alpi-ventennale-700x350

Ieri è iniziata la Ventesima edizione del Premio Ilaria Alpi, in memoria della giornalista uccisa il 20 Marzo di venti anni fa insieme al collega operatore Miran Hrovatin.

La giornalista italiana stava indagando sui rapporti tra Italia e Somalia e su un possibile traffico di rifiuti tossici e armi
Sabato sera, 6 Settembre, si concluderà con l’assegnazione del premio.
“All’interno del Premio Ilaria Alpi, verranno assegnati anche il Premio UniCredit, un riconoscimento speciale assegnato in accordo tra UniCredit e la Giuria del Premio Ilaria Alpi ad una giornalista distintasi per valore e coraggio” (http://www.ilariaalpi.it/?p=4716)
Unicredit è pure partner dell’evento.
In questo articolo di Marzo 2014 si dice che, in Italia, Unicredit sia la Terza Banca Armata:
Ricapitoliamo:
La terza banca armata italiana supporta e conferisce un premio in onore di due giornalisti uccisi mentre stavano indagando su traffici di armi e rifiuti tossici.
Quindi?
Quindi diciamo che probabilmente ci è sfuggito qualcosa.
Ma resta un dubbio amletico: non è che c’è del marcio non solo in Danimarca?
Pace

Ti ho visto morire stasera

Ciao ragazzo con la maglia verde

ti ho visto morire stasera

ti ho visto dallo schermo del mio computer

la tecnologia…

ho vissuto con te i momenti in cui cercavi la tua famiglia

tra le rovine della tua città distrutta dai bombardamenti

ho vissuto con te le urla da sotto le macerie

ho sperato con te di vederli, di capire da dove provenivano

ma poi con te, ho iniziato ad aver paura

ho sentito gli spari

ci sono i cecchini

stai al sicuro ragazzo, stai attento, te e chi è con te

state attenti, nascondetevi

ci sono i cecchini, cazzo!

e là sotto la mia famiglia che grida

devo salvarli

ma i cecchini sparano, o forse no, è un’impressione

ti vedo ragazzo dalla maglia verde, esci per cercarli.

Ti vedo a terra, un proiettile ti ha colpito

la tua amica ti chiede se ti riesci a muovere

alzi la testa ti guardi le mani, un altro sparo vicino

non ti colpisce ma forse inizi a capire che è la fine

non ti puoi muovere di lì e sei sotto il fuoco nemico

da solo in mezzo alle macerie

inizi a pregare Dio

un terzo sparo. So che c’è stato e che ti ha portato via.

Non l’ho voluto vedere. Ho premuto stop sul video.

Lo stomaco inizia a farmi male.

Maledetta guerra infame.

Sei giovane, alto e magro. Potresti essere mio fratello.

Riposa in pace, fratello mio.