CdB: un esempio di terra di tutti dentro alla Fortezza Europa

SalesianiCasteldeBritti

Oggi è il 70esimo della liberazione di Bologna da parte dei Partigiani e di altri ragazzi stranieri corsi in nostro aiuto.
Oggi si parla di 700, forse 1000 persone intrappolate dentro una nave e affogate in fondo al mare. Come ieri e chissà ancora per quanto.
La storia dice che c’è poco a festeggiare e concordiamo.
Ma stavolta usciamo dal coro per raccontare una bella storia, una bella di storia di 70 ragazzi e del loro modo di vedere il mondo, a partire da quel Essere o Non Essere.

Uno di noi ha avuto il privilegio di essere chiamato per fare un Laboratorio Teatrale da una scuola speciale, un luogo dove la pedagogia è l’unico obiettivo. Un luogo dove ci sono 70 ragazzi di 20 nazionalità. E dove tutto diventa speciale.
Un luogo senza barriere dentro alle barriere della Fortezza Europa.
E questo è il video frutto del Laboratorio:

La nostra scuola? Uno spettacolo!

Grazie CdB (SalesianiCasteldeBritti), Grazie a chi ci lavora quotidianamente, grazie a chi ci lavora saltuariamente, a chi supporta, ma soprattutto un grazie enorme a questi ragazzi perché sono la prova che l’umanità è bella e che può sopravvivere a tutto questo orrore che ci circonda.

Pace

I nostri dieci raccomandamenti di Natale

Avrai un dubbio. O no?

Ormai ci siamo, l’aria è frizzante, luci, colori, musica, manca solo la neve.
Poi il Natale è perfetto.
Ma viste le notizie brutte che non fanno bene alle feste imminenti e visto un Benigni pio e buono come mai prima, ci permettiamo anche noi di darvi qualche consiglio natalizio, stilando i nostri dieci raccomandamenti di Natale.

1) Non ragionare sulla qualità, ma sulla quantità e sul prezzo.
2) Non essere cattivo con quelli come te.
3) Non leggere.
4) Non uscire (che si prende freddo).
5) Non andare al cinema.
6) Non andare per musei.
7) Non farsi rovinare le feste dai problemi del mondo.
8) Non informare se stessi e gli altri.
9) Non andare a teatro.
10) Credere nel Potere.Per i più curiosi, ecco qui le istruzioni per l’uso, una per una.

Continua a leggere

Il Teatro costituisce fratellanze (Citazione Marvelliana d’Abruzzo)

Ministri complici o succubi o ignoranti dei proprio ministeri, diritti umani calpestati, parole e azioni razziste, mazzette, ladrocinio non solo finanziario, evasioni, violenze, informazione coerente con il sistema e noi, il popolo, ormai schiavo consenziente.
E in tutto questo delirio per cui le generazioni future si chiederanno “ma come è stato possibile?”, c’è un mondo sommerso di tantissime persone e associazioni che lottano ogni giorno. Ovunque. Anche nel bel mezzo della Majella, dove un gruppo di teatranti sogna, progetta e realizza una clausura teatrale. Appena il Collettivo ha saputo, ovviamente, ha accettato di partecipare. Ma ciò che abbiamo vissuto è stato molto di più.

Continua a leggere

Infermieristica Teatrale: “La corsia, il palco magico dove solo le comparse diventano attori protagonisti: l’arte individuale di curare, di comunicare e di prendersi cura”

Definire il Teatro è cosa alquanto ardua. Sicuramente ha il potere di aprire i cervelli e renderli liberi. Forse è per questo che non piace a chi vuole il controllo e il potere. Come tutti i teatranti, anche noi vorremmo il teatro ovunque e sempre, libero di essere un mattone nella libertà mentale, intellettuale e politica delle persone. Perché il teatro non dà risposte, ma condivide al massimo i dubbi. In attesa di questo sogno globale, noi, da quasi dieci anni, lavoriamo per portare il teatro a tutti gli “operai della mutua”. E a tutti loro, ovvero anche noi, auguriamo una buona giornata mondiale del teatro e quindi… Buon Lavoro.

Pace