MMT: Mariarca Terracciano è il nostro Sindacato

Mariarca Terracciano

 

Ti piace questo sistema sociale?

Questo sistema economico ti sembra equo e costruttivo?

Ti piace come questo sistema sta gestendo e conducendo la tua vita?

Pensi che ciò che sta accadendo nel mondo sia la strada giusta?

Ti senti libero?

Il MMT Summit di Rimini è stato questo,

1500 persone circa che si fanno queste domande, che non sono contente della direzione perpetrata da chi ci governa, stanchi di questo sistema che non permette alternative e obbliga il popolo terrestre ad una vita sempre più lontana dalle parole dignità e libertà, forse come mai prima, se la mettiamo in relazione alla nostra crescita intellettuale, scientifica, civica e senso di giustizia sociale.

Cinque economisti venuti a spiegare un’alternativa economica, un altro modo di concepire il denaro e gli scambi tra le persone,

un economista nostrano che ha voglia di spiegare come abbiamo deciso di essere così

e un giornalista che non smette di pensare e di fare il suo mestiere, cercare di mostrare le cose che non vanno e dare voce a quelli che hanno voglia di trovare una strada migliore.

Non è stato un evento dove tutti si vogliono bene e tanto amore,

solo cittadini informati, interessati e curiosi, soprattutto con le loro critiche, con i loro dubbi e i loro… perché?

Veri.

Come dice Barnard alla platea “Voi siete il Consiglio di Amministrazione, noi i vostri consulenti da spremere fino alla fine e tutto questo non è altro che un enorme gigantesco punto di vista diverso da quello vigente”

Non esistono verità, ma persone in cammino che cercano nuovi orizzonti recuperando il meglio da quelli vigenti.

E ora?

Ognuno continua a informarsi e impegnarsi, cercando di divulgare, non verità,

ma il piacere, la necessità e l’arte del Dubbio.

Chi si ferma, non è perduto?

Intanto sembra che si siano perduti per strada politici, organi di informazioni, rappresentanti dello stato…

nessuno durante e nessuno dopo.

Avranno di meglio di cui parlare e di cui parlarci.

Hanno perso anche l’inizio e la fine, dove è stata ampiamente ricordata la persona a cui è stato dedicato l’evento,

Mariarca Terracciano, un’infermiera che è morta per avere i suoi diritti, e con i suoi i tuoi e i nostri.

Ma non ne parla mai nessuno di questa donna?

Non si saranno persi anche lei?

Coincidenza?

Semplice distrazione?

E dopo?

Chi lo sa, magari invadere la Grecia per aiutare i Greci a riprendersi il loro Stato.

Pensi che queste visioni siano utopiche?

Allora difendi il Sistema corrente.

Credici.

Comunque prendi una posizione.

Noi di Across Alive una posizione l’abbiamo presa.

In platea al convegno, voglia di sapere e sempre di più, e lotta contro questo sistema

che noi definiamo dittatoriale e assassino.

Parole troppo dure?

Pensa quanto sono dure le bombe che sganciamo sui civili afgani,

quanto è dura perdere i risparmi perché pochi ci speculano sopra,

pensa quanto è dura rinunciare ai diritti sotto ricatto,

pensa a quanto è dura perdere il lavoro,

pensa quanto è dura dare da mangiare ai figli,

guardar loro negli occhi e lasciar loro tutto questo.

E se tu sei fortunato, pensa a quanti non lo sono.

E comunque i tuoi figli lo saranno meno di te.

Questa è retorica solo per chi la vive da lontano e non ha niente da dire,

amara realtà per chi la vive da dentro.

Il Collettivo è schierato adesso più di prima contro ogni forma di ingiustizia.

Ed è schierato con chi vuol essere il peggior incubo di chi detiene il potere

e fa di tutto per averne sempre di più.

 

“La conoscenza di diverse letterature è il modo migliore di liberarsi dalla tirannia di una sola”

“Ogni vero uomo deve sentire sulla propria guancia lo schiaffo dato sulla guancia di un altro uomo”

José Julián Martí Pérez (1853 – 1895), politico, poeta e scrittore cubano.

 

Pace

 

Bibliografia:

http://paolobarnard.info/home.php

http://democraziammt.info/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *