Il cielo No Tav è sempre più Blu

A fine secolo scorso, mentre in tutto il mondo si parla di Y2K bug (noto come Millennium Bug), a Bologna appaiono le prime opere di Blu, un giovane street artist.
Dopo appena due lustri, nel 2011 Il Guardian lo mette nella top ten mondiale, le sue opere sono sui muri di mezzo mondo. E con lui Bologna, senza spendere e senza sforzo, si ritrova ad essere al centro anche in questo settore artistico. Non solo è la città con più sue opere, ma ne mostra pure la sua crescita artistica dagli inizi di quel ragazzo migrato da una non troppo lontana provincia, fino agli ultimi capolavori dati dall’esperienza e dalla maturità artistica e umana dell’uomo.
E Bologna cosa fa?

Continua a leggere

Lettera bolognese a Matteo Salvini

PazienzaPertini

Il primo dubbio che ci assale è come iniziare, perché ovviamente dobbiamo essere coerenti con noi stessi, quindi niente caro, egregio, gentile, bla bla blah…
Allora siamo andati a vedere che incarico ricopre e risulta (qui oppure qui) che lei sia un europarlamentare e se le pagine non si sbagliano, a parte 40 giorni attorno a Giugno 2014, sembra che lo sia dal 08 Giugno 2009! Sei anni! Verrebbe da dire: “occhio alla crisi del settimo!” Ma poi scopriamo che ne ha fatti altri due (e un po’) tra il 2004 e il 2006, quindi niente crisi. Anzi, sembra che il sodalizio funziona, visto che ha fatto anche 17, sì, 17 anni di consigliere comunale e solo un anno circa di camera dei deputati.
Per i più curiosi, e noi lo siamo, bisogna dire che gli incarichi sono alternati e in alcuni casi sono sovrapposti: Continua a leggere

Ehi, Bologna? C’è qualcuno in casa? Ritorno ad un pericoloso passato

Bologna_1921_Sede_della_Lega_dei_Braccianti_devastata_da_una_azione_squadrista

Bologna la grassa, la dotta, la rossa…
Anche Guccini la canta così.
Quando andiamo in giro, appena sentono da dove veniamo, la reazione è sempre la stessa: Bologna piace.
E noi?
Ci siamo stancati di sentire complimenti che la nostra città, purtroppo, non merita più.

Continua a leggere

Domenica 2 Agosto 2015: un solo applauso.

2 Agosto 2014: Non avranno più i nostri applausi

Questo non è una manifestazione, tanto meno un flashmob. E’ solo un gruppo di persone, di Bologna e non, del Collettivo e non, che hanno deciso di unirsi e condividere. Ci troveremo sulla collinetta della Piazza della Stazione (Piazza Medaglie d’Oro) verso le 9.45. Ognuna con il suo fazzoletto macchiato. Questo non vuol essere un invito ad unirsi, ma un invito a tutte le persone a non sentirsi escluse. Anche perché più siamo, più il nostro silenzio si farà sentire.

Continua a leggere

Si è partiti da casa la mattina del 25 Aprile, ma siamo arrivati in Piazza Maggiore che era il 4 Novembre. Forse Carnevale: il malcostume che soffoca una Memoria agonizzante.

25 Aprile 2015
Non si dovrebbe mai saltare questo appuntamento, ma questo 25 Aprile è più speciale, l’Italia liberata compie 70 anni.
Se poi ci aggiungiamo che il periodo storico ha bisogno di coscienza, di anima e di resistenza come l’aria, beh… non si può proprio mancare. Quindi ci organizziamo.
Sveglia, musica partigiana di sottofondo, doccia, colazione, i più fortunati hanno fatto pure l’amore e poi via, tutti carichi, chi a piedi, chi in bus, chi in bici, comunque tutti in Piazza Maggiore. Punta ore 9.30. Puntuali. Ma non puntuali come sempre, stavolta veramente puntuali, la Resistenza non può e non deve aspettare.

Continua a leggere

Ladri di biciclette 2.0

paperonevsRockerduck

Nel 1948 “Ladri di biciclette”, un film entrato nella storia, raccontava quanto una bicicletta fosse indispensabile per sopravvivere. Nel 1973 Fabrizio De Andrè scriveva e cantava “Ci hanno insegnato la meraviglia, verso la gente che ruba il pane, ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame (dalla canzone “Nella mia ora di libertà”).

Continua a leggere

2 Agosto 2014: Non avranno più i nostri applausi

2 Agosto 2014: Non avranno più i nostri applausi

Come ogni anno e come molti altri, Sabato 2 Agosto saremo in Stazione.

Per non dimenticare insieme a tutta la città.
Per non dimenticare il 2 Agosto 1980.
Per non dimenticare 85 vittime e 200 persone ferite.
Per non dimenticare che lo Stato non ci è mai stato,
o forse ci è stato per depistare
o forse ci è stato proprio per organizzare.
E saremo in piazza non perché siamo giustizialisti,
ma perché esigiamo la verità.
Un popolo merita la verità.
Verità di chi ha voluto la strage,
di chi l’ha organizzata.
I nomi di chi ha insabbiato, di chi ha depistato e di chi ha detto il falso.
Ci siamo stancati di bei discorsi, di belle parole e di belle intenzioni.
Ci siamo stancati di applaudire tutto questo teatrino che si ripete ogni anno.
Ci siamo stancati di sentire applaudire.
Quindi?

Continua a leggere

2 Agosto 1980-2013: un solo applauso.

Per non dimenticare.

Per non dimenticare eravamo in Stazione.
Per non dimenticare eravamo insieme a tutta la città.
Per non dimenticare il 2 Agosto 1980.
Per non dimenticare 85 vittime e 200 feriti.
Per non dimenticare che lo Stato non ci è mai stato,
o forse ci è stato per depistare
o forse ci è stato proprio per organizzare.
Caldo come quel giorno.
E come ogni giorno giudichiamo.

Continua a leggere

3° Festival In & Out, la cultura in condominio 2013: Cuore non in vendita

Anche quest’anno prende il via la rassegna teatrale a chilometro e a costo zero.

E noi saremo presenti nel banchetto con i nostri libri e una presentazione del Libro Angelico il Martedì 25 Giugno, 0re 18.30, Condominio Borgo Lazzari, via dell’Angelo Custode, dal numero 14 al 66

Dal programma:

“Siamo giunti, con difficoltà ma tenacia, al terzo anno di questa sfida iniziata nel 2011. Tutto è nato da un’idea e una proposta dell’Associazione Teatro dei Mignoli, coordinata dal gruppo di volontari degli Angeli alle fermate e coinvolgendo diverse associazioni, con l’obiettivo di portare cultura e socialità sotto casa delle persone.
L’immagine del primo anno del Festival è stata un piatto di lenticchie germinanti e simboleggiava il mettere i primi semi di questa proposta in alcune realtà condominiali. Il secondo anno abbiamo scelto come simbolo la sedia che una volta si metteva fuori dalla porta per chiacchierare con il vicino, a sovrintendere l’attività di vicinato e comunicazione che si è spesso persa nei nostri condomini.
Quest’anno abbiamo scelto i volti di due donne, tra le tante che abbiamo incontrato e seguito in questo viaggio nei condomini; donne che hanno messo cuore nella loro vita e in attività sociali. Sono i nostri “Cuori non in vendita” che incontreremo e incontrerete in questo viaggio del festival…”
Per il programma completo: http://www.angeliallefermate.it/2013/06/13/programma-3°-festival-in-out-la-cultura-in-condominio-2013/
Buona cultura a tutti.

Pace