Coerenza armata

In uno stato dove un ministro della difesa dice che per amare la pace talvolta bisogna armare la pace (http://www.ansa.it/web/notizie/videogallery/italia/2013/06/26/Mauro-amare-pace-armare-pace_8934160.html), in uno stato dove un ministro della difesa, in un momento ci crisi mondiale, non solo economica, ma soprattutto umana, dice che gli F35 da acquistare non sono 150 ma solo 90, parlando di responsabilità passate e di Costituzione che prevede che noi dobbiamo essere armati, senza dare un suo parere personale, del tipo “io penso che dovremmo comprarli” oppure “io penso che non dovremmo comprarli” (http://video.repubblica.it/dossier/governo-letta/ministro-mauro-f35-discuteremo-del-numero-ma-le-forze-armate-devono-essere-armate/133641/132157),in uno stato in cui il consiglio supremo di difesa dice che il Parlamento non ha diritto di veto a riguardo(http://www.repubblica.it/politica/2013/07/03/news/consiglio_difesa_f35_no_veto_parlamento-62316450/?ref=HREC1-1),
ci chiediamo perché c’è tanto clamore nel vedere De Gennaro a capo di Finmeccanica? (http://www.repubblica.it/economia/2013/07/03/news/de_gennaro_sar_presidente_di_finmeccanica_c_l_accordo_tra_letta_e_saccomanni-62301584/)

Ma se la Finmeccanica è quella stessa industria italiana che produce, tra le altre cose, materiale per l’esercito, quindi materiale bellico, ci sembra abbastanza coerente averci messo a capo colui che con la forza, armata e non, ha “gestito” l’obiezione popolare del G8 di Genova, o no?
A questo punto, quello che ci chiediamo, non è solo quanto sia abominevole che nel 2013 esista un ministero della difesa, quando esiste già un esercito delle Nazioni Unite, non è solo che esista un consiglio supremo di difesa che non dipenda dal Parlamento, ovvero dal popolo,
ma quello che ci chiediamo è:
ma il ministero della difesa è il ministero della guerra?
Per noi è una domanda retorica.
Per voi?
Pace libera tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *