Un Nobel per la Pace, uno per la guerra e uno per la genialata

Il Nobel per la Pace è ovviamente per lui, Madiba, Nelson Mandela.
A lui un grande grazie, un grande abbraccio e un buon viaggio con un sorriso grande come il suo.
Il Nobel per la guerra è per Obama, unito con Madiba per aver ricevuto lo stesso premio, con la sola differenza che le guerre del sue paese continuano (ma in altri paesi) e la tirannia economica mondiale è sempre più forte. Coccodrillone.
Il Nobel per la genialata è per Francesco, il Papa.

Questo Papa piace parecchio, per quello che dice e per quello che fa, nei discorsi sul Sistema e nei particolari, come portarsi la borsa da solo. A questo punto sorge spontanea la domanda: perché stupirsi?
Perché non ci siamo stupiti del contrario prima?
Perché non ci siamo scandalizzati per le tante mancanze dei suoi predecessori?
E’ un problema di memoria collettiva?
Questo Papa è osannato da una parte e criticato dall’altra.
Oggi non entriamo in merito del suo passato, anche se le parole di Hebe de Bonafini non si possono certo ignorare (http://www.repubblica.it/speciali/esteri/conclave-papa-elezioni2013/2013/03/15/news/francesco_tra_la_controversia_del_suo_ruolo_nella_dittatura_argentina_e_la_sua_vicinanza_ai_poveri-54628242/), ma ci concentriamo sul presente.
Ai bambini polacchi malati di tumore, è riuscito a fare un discorso dove loro non sono mai il soggetto principale, ma solo il soggetto uditorio: “Vi do il mio cordiale benvenuto, vi saluto. E grazie per questa visita. Grazie per questa visita e grazie per le preghiera che voi fate per la Chiesa. Voi fate tanto bene alla Chiesa con le vostre sofferenze, sofferenze inspiegabili. Ma Dio conosce le cose e anche le vostre preghiere. Grazie tante. E sarà per me un piacere salutare ognuno di voi“ (http://www.youtube.com/watch?v=BUktnVclr_I) (http://www.news.va/it/news/il-papa-incontra-bambini-malati-di-tumore-e-leucem).
Ma come si fa a dire che loro, con le loro sofferenze, fanno bene alla Chiesa?
Chi è il soggetto principale?
Al massimo che la Chiesa è vicina a loro e che la chiesa prega per loro.
Non ci aspettiamo certo – Presseremo per legalizzare qualsiasi antidolorifico naturale che aiuti a portare benessere o contenere il male – o addirittura – Cure per tutti – e farlo;
magari, più semplicemente, mettersi al loro piano, giocare,
ma dire che il loro dolore fa bene alla chiesa…
Geniale.
E qualcuno ci crede pure.
Nobel.
Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *